Torna
  • Parental Skills at Work

Parental Skills at Work

Società dell’informazione e alfabetizzazione digitale

La società in cui viviamo viene comunemente definita società dell’informazione (information society) o società della conoscenza (knowledge society); in queste definizioni si mette in evidenza il fatto che le informazioni a basso costo e le tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC) sono diffuse e ampiamente usate, che fondamentale è l’investimento nel capitale intangibile, umano e sociale, e che i fattori chiave sono la conoscenza e la creatività. Nel mondo interconnesso e digitalizzato in cui viviamo diventa dunque sempre più importante acquisire e possedere le competenze necessarie per saper usare in maniera funzionale ed efficace gli strumenti digitali che abbiamo a disposizione: come è fondamentale essere alfabetizzati, cioè saper leggere e scrivere, e saper usare la lettura e la scrittura per svolgere almeno le più importanti funzioni della vita sociale (alfabetismo funzionale), così è sempre più necessario essere alfabetizzati anche “digitalmente” (digital literacy). Si parla in questo senso di competenze digitali (digital skills), cioè di quelle competenze necessarie proprio per usare in maniera adeguata e funzionale le tecnologie digitali che popolano sempre di più la nostra società.

Un framework per le competenze digitali

Ma quali sono le più importanti competenze digitali che sono richieste per svolgere le principali funzioni nella nostra vita sociale, personale e professionale? Il Dipartimento dell’Educazione del Governo del Regno Unito ha elaborato un interessante quadro per lo sviluppo delle competenze digitali per la vita personale e professionale, individuando un nucleo di competenze di base e cinque aree principali di applicazione. Le competenze digitali di base si riferiscono alle operazioni elementari necessarie per poter utilizzare le tecnologie digitali, come per esempio saper accendere il proprio apparecchio (PC, smartphone, tablet), saperne usare i comandi e saper interagire con esso, sapersi collegare a internet, saper aprire e usare un browser, ecc.

Cinque aree di competenze digitali

Le cinque aree di applicazione, che riguardano sia la vita privata sia la vita professionale, comprendono:
1. le competenze necessarie per poter comunicare, collaborare e condividere informazioni, come per esempio: saper creare un account di posta elettronica e saper usare l’e-mail e altri strumenti di messaggistica, saper creare un documento di testo e saperlo condividere con i propri colleghi, saper usare piattaforme social, e così via;

2. le competenze necessarie per cercare, trovare, gestire e conservare in maniera sicura informazioni e contenuti digitali, come per esempio: saper valutare l’affidabilità dei contenuti disponibili online, saper usare i motori di ricerca, saper organizzare i propri documenti in file e cartelle sul proprio PC o nel cloud, saper trovare e scaricare legalmente contenuti come film, musica e giochi, saper sincronizzare i propri documenti su apparecchi diversi, e così via;

3. le competenze necessarie per utilizzare servizi online, per comprare o vendere beni e servizi, e gestire transazioni online, come per esempio: saper accedere e utilizzare servizi della pubblica amministrazione online, saper utilizzare servizi di e-banking e di compravendita online, saper usare gli applicativi della propria azienda, e così via;

4. le competenze richieste per trovare soluzioni a problemi usando strumenti digitali e servizi online, come per esempio: saper comunicare online con servizi di assistenza e di supporto ai clienti, saper trovare e usare tutorial online, e così via;

5. le competenze necessarie per navigare e operare online in sicurezza e in maniera legale, come per esempio: mantenere in sicurezza le informazioni dei propri account, saper impostare adeguatamente le impostazioni di privacy sui social network, saper riconoscere e-mail, siti web e messaggi sospetti, essere consapevoli che non si possono pubblicare dati di altre persone senza il loro consenso, essere consapevoli che immagini e documenti di altri possono essere protetti dal diritto d’autore, e così via.

Nella parte finale di questo modulo verranno presentate in maggior dettaglio le principali competenze digitali necessarie secondo il framework del Dipartimento dell’Educazione del Governo britannico.

Competenze digitali e genitorialità

Quando si diventa genitori, l’importanza delle competenze digitali si manifesta in alcune situazioni particolari, che vanno dalla relazione con i propri figli alla ricerca di informazioni e di soluzioni ai problemi legati alla maternità o paternità. Nelle pagine seguenti, alcuni esperti ci introdurranno al tema delle competenze digitali nella genitorialità in tre contesti specifici:

1. la media education, cioè l’educazione a un utilizzo adeguato dei nuovi mezzi di comunicazione: come accompagnare i nostri figli nel mondo digitale in cui si trovano immersi, favorendo lo sviluppo delle loro competenze digitali ed evitando i rischi e i pericoli che questo comporta?

2. Lo sharenting: che cosa comporta la pubblicazione online delle fotografie dei nostri figli? A quali aspetti (etici, legali, …) occorre fare attenzione quando si decide di pubblicare online la foto di un proprio figlio? Il fenomeno dello sharenting (sharing + parenting), cioè della (a volte eccessiva) condivisione online di contenuti che riguardano la vita dei figli, è un fenomeno complesso e sempre più diffuso, che comprende aspetti etici, di rispetto della privacy, di protezione dalla pedopornografia, ed altri, come illustra anche l’articolo de Il sole 24 ore.

3. Il digital storytelling (la capacità di raccontare storie attraverso gli strumenti digitali) e la capacità di cercare e trovare informazioni online che siano vere e attendibili sono competenze digitali molto rilevanti quando si è una mamma o un papà.